Torri del Benaco
Pioggia
15°C
 
Ferrara di M.B.
Rain
15°C
 
Malcesine
Cloudy
13°C
 
Natura del Monte Baldo

Il marrone DOP di San Zeno di Montagna

La coltivazione del castagno da frutto, diffusa in passato in ampie zone del versante baldense comprese fra 600 e 900 m di quota, ha rivestito per molto tempo un ruolo significativo per la comunità contadina locale costituendo il fulcro delle attività svolte negli insediamenti temporanei estivi (maggenghi)

Nella tarda primavera le superfici erbose dei castagneti erano sfruttate per il pascolo, mentre le aree più pianeggianti venivano sfalciate una o due volte durante I’estate. In agosto si procedeva alla ripulitura dei castagni, con la spollonatura delle ceppaie ed il taglio dei rami improduttivi, ottenendo frasche per I’alimentazione del bestiame, legna da ardere e paleria per le recinzioni o per i filari di viti.

Nelle prime settimane di ottobre iniziava la raccolta dei frutti. Gli uomini, percuotendo i rami con lunghe stanghe di bambù, provocavano la caduta dei ricci, raccolti poi dalle donne con una forcella in legno di castagno detta giòa e deposti in cesti di vimini. I ricci venivano accumulati a formare la ricciaia (rissàra), coperta di frasche e fascine, dove rimanevano per una decina di giorni a fermentare.

Si procedeva infine a separare le castagne dai ricci, calpestandoli e battendoli con un particolare rastrello, dotato di pochi denti, detto famagàl.

Dal 2003 riconoscimento della DOP Marrone di San Zeno.

 

I maggenghi
Curiosità
San Zeno di Montagna
Curiosità
Le vie dell’acqua di Caprino
Curiosità
© 2022 Unione Montana del Baldo-Garda - Tutti i diritti sono riservati - Privacy Policy - Cookie Policy