Torri del Benaco
Parzialmente Nuvoloso
12°C
 
Ferrara di M.B.
Partly cloudy
12°C
 
Malcesine
Mostly cloudy
12°C
 
Geologia

Le falesie

Coste rocciose con pareti a picco alte e continue assai frequenti nell’area baldense specie sul versante atesino.

Durante l’ultima glaciazione il Monte Baldo era circondato dalle lingue glaciali del Garda e dell’Adige che si espandevano verso Sud a formare gli anfiteatri morenici del Lago di Garda e di Rivoli. Lo spessore del ghiaccio variava dai 1100 m, in corrispondenza di Riva, ai 500 m in corrispondenza di punta San Vigilio.

Lo spostamento lento ma inarrestabile del ghiaccio e l’azione del fiume Adige ha eroso profondamente la valle creando delle vere e proprie bastionate, pareti rocciose alte fino a 150 metri, che alternano placche levigate a marcati strapiombi color rosso ruggine.

Le glaciazioni del Quaternario hanno lasciato scoperti migliaia di metri quadrati di compatto, solidissimo calcare grigio.

Qui a partire dagli anni 80 vengono scoperte ed attrezzate un’infinità di nuove pareti e salti di roccia, che proprio a partire da quegli anni, da “palestre di roccia” diventano “falesie” (dal francese falaise, che indica le coste a picco).

I "vaj"
Curiosità
La Valle dell'Adige
Curiosità
Brentino
Curiosità
© 2022 Unione Montana del Baldo-Garda - Tutti i diritti sono riservati - Privacy Policy - Cookie Policy